Ipocrisie social come centrifughe della mente