Tag: istruzione

homeschooling e precettori in italia
Scuola

L’homeschooling: pro e contro dell’istruzione in casa

Sono circa mille, secondo gli ultimi dati raccolti dal Ministero dell'Istruzione, le famiglie che in Italia scelgono l'homeschooling. Ossia, che non mandano i figli a scuola per educarli a casa. E' sufficiente fare un breve giro tra i blog e le pagine web di chi ha scelto l'homeschooling per capire che alla base di questo fenomeno c'è la voglia di dare ai propri figli un'educazione ispirata a una pedagogia diversa da quella offerta dalle istituzioni. E, soprattuto, ritagliata sulle esigenze individuali. La parola d'ordine dei fautori dell'educazione parentale è, infatti, personalizzazione a fronte di una scuola che a loro avviso standardizza le competenze e le nozioni richieste.

L'homeschooling in Italia

Nel nostro Paese è una scelta perfettamente legale, contrariamente a quanto avviene in altri paesi come la Germania, dove è vietata ed assimilata ad una forma di abuso parentale. Ma a partire da quest'anno qualcosa è cambiato. Con i decreti attuativi della Buona Scuola è stato, infatti, introdotto l'esame annuale obbligatorio per chi sceglie l'homeschooling, basato sui contenuti dei normali programmi scolastici. Contro questa costrizione, operativa già dall'anno scolastico 2017-2018, si stanno mobilitando i gruppi che si battono a favore dell'educazione parentale. Secondo i sostenitori dell'istruzione in casa,  l'acquisizione delle competenze, almeno per quel che riguarda la scuola primaria, deve avvenire nell'arco dei canonici cinque anni previsti, senza rigide tappe intermedie.

Le scuole Waldorf

Al medesimo principio si ispirano le scuole Waldford, che seguono la pedagogia di Rudolf Steiner. Esse, infatti, si troverebbero fuori legge, se l'obbligo di esame fosse applicato anche alle istituzioni private con orientamenti pedagogici particolari. Pur non praticando l'homeschooling, i bambini che frequentano le scuole steineriane sono lasciati liberi di imparare a leggere e scrivere nel momento in cui ne sentono il bisogno. Solitamente non prima della seconda, terza elementare.

Ecco perché, per i sostenitori delle pedagogie alternative, il momento più adatto per fare una verifica, sempre che sia necessaria, sarebbe alla fine del ciclo quinquennale, quando i bambini hanno una preparazione più o meno analoga a quella dei loro coetanei che frequentano la scuola pubblica.

[jpshare]

L'unschooling

L'introduzione di esami obbligatori in casa mette in crisi, in particolare, il modello più estremo di educazione parentale, il cosiddetto unschooling. Il teorico principale, l'educatore statunitense John Holt, sostiene che la capacità dei bambini di apprendere spontaneamente è maggiore se sganciata da qualsiasi schema di orario o contenuto. «Le famiglie che scelgono l'unschooling non hanno un programma prefissato, perchè quel che si studia può dipendere anche da ciò che accade quel giorno, dal meteo, dal livello di stanchezza del bambino e così via», spiega Erika Di Martino, fondatrice del sito Controscuola e del Network Italiano di Educazione Parentale, madre di cinque figli tutti educati in casa. «Ecco perchè gli esami annuali sono incompatibili con questo metodo didattico e rischierebbero di comprometterne l'efficacia».

Tuttavia, non tutte le forme di educazione parentale sono altrettanto destrutturate. Negli Stati Uniti, dove l'istruzione domiciliare ha una lunga tradizione, esistono anche programmi pedagogici molto strutturati. Tra i vantaggi dei metodi strutturati:

  • la possibilità di rientrare più facilmente nel sistema scolastico in qualsiasi momento e
  • il minor investimento da parte dei genitori in termini di tempo e di capacità didattiche.

Lo svantaggio, per contro, è la perdita dell'individualità, che sembra essere il fattore principale nella scelta di tenersi i figli in casa.

 

I risultati

Riguardo ai risultati che ottengono i bambini e i ragazzi educati dai genitori (o da precettori), dal punto di vista scolastico, mancano dati italiani e ci si deve affidare a studi statunitensi che, tuttavia, giungono spesso a conclusioni discordanti.

Una delle obiezioni più comuni avanzate nei confronti dell'educazione parentale é che i bambini che non vanno a scuola rischiano di restare isolati socialmente. Numerosi studi collegano, infatti, la capacità di socializzare allo sviluppo

  • di una solida identità di sè e
  • di una buona autostima.

Tuttavia, i bambini che stanno a casa sembrano sviluppare entrambe queste doti ai massimi livelli, contrariamente a molti loro coetanei che vivono in un ambiente dove vengono costantemente giudicati. Lo riferisce Daniela Ovadia nell'articolo "Tutti a casa", pubblicato dalla rivista Mente & Cervello di Ottobre 2017.  Il livello di socializzazione dipende, tra l'altro, secondo l'autrice, dalle scelte genitoriali. Alcune famiglie, infatti, proprio per ovviare all'isolamento dell'educazione domiciliare, iscrivono i propri figli a sport di squadra o ai gruppi scout, per consentire loro di confrontarsi con un gruppo di pari al di fuori della cerchia familiare.

Pro e contro dell'homeschooling

Dagli studi americani emerge, inoltre, che nelle piccole città risulta più semplice conservare una buona socializzazione, a differenza di quanto accade nella grande città. Per questo l'homeschooling ha maggiore presa nelle realtà periferiche, poiché nelle evolute metropoli la combinazione dei due fattori può risultare maggiormente isolante.

Che non sia tutto oro quello che luccica lo dimostra, tuttavia, l'esistenza negli Stati Uniti e in Israele, altro paese dove l'educazione domiciliare è molto diffusa, di associazioni che aiutano i ragazzi educati a casa ad affrontare i problemi che sono connessi con l'homeschooling. Secondo Adat Bauer, fondatrice di un gruppo di aiuto per ragazzi istruiti a casa con sede a Gerusalemme, per alcuni genitori l'istruzione deve riflettere in tutto e per tutto i valori familiari.

Se ciò appare, da un certo punto di vista, comprensibile, dall'altro, non è sano. E', infatti, dal confronto con portatori di valori differenti che si sviluppa lo spirito critico. Per la Bauer, è proprio lo stretto legame con i genitori il problema principale di molti homeschooler. Un legame che, in talune circostanze, può diventare patologico.

La sfiducia verso la scuola

In Italia, sembrerebbe che la scelta di istruire i figli in casa nasca dal senso di sfiducia nei confronti della scuola pubblica. Ma i dati d'oltre oceano rassicurano: anche chi ha un difficile rapporto con l'istituzione scolastica non considera definitiva la scelta dell'educazione parentale. A volte, ad esempio, l'allontanamento dall'ambiente scolastico in favore delle mura domestiche è solo temporaneo per chi è stato vittima di bullismo, così come per i ragazzi che manifestano la depressione adolescenziale attraverso la fobia scolastica.

Certo è che i tempi sono cambiati, visto che andiamo sempre di più verso una didattica personalizzata sui bisogni dei singoli. E che, come dicono gli studi, i buoni voti a scuola non sono garanzia di successo nella vita. Una domanda, però, sorge spontanea: e se si fosse in predicato di tornare ai precettori di qualche secolo fa, tanto per difendersi da vere o presunte minacce dell'ambiente scolastico?


Continua a leggere
valeria fedeli
Post, Scuola

Cari studenti, sarà la scuola che desiderate

“Non riesco più a tollerare la distanza generazionale con gli studenti. C’è bisogno di docenti più giovani”. Questo è l’interessante commento che un’insegnante di lettere ha rivolto alla Ministra Fedeli durante la recente intervista radiofonica andata in onda su Radio 1. Docente di lungo corso (oltre trentacinque anni di insegnamento), la signora Maria, ha proposto uno spunto di riflessione tutt’altro che banale. Si è fatta portavoce di un malessere e di un senso di inadeguatezza che oggi moltissimi insegnanti stanno vivendo nelle nostre scuole. Soprattutto coloro che hanno sempre cercato di svolgere il proprio mestiere con passione, motivazione e onestà.

Finalmente qualcosa di serio

Me ne sono personalmente occupato in moti articoli. Lo farò ancora, a proposito di didattica d'inclusione, proprio per sottolineare come gli insegnanti oggi necessitino di strumenti per essere messi nella condizione di rispondere a esigenze che non sono più quelle di una volta. Per questi i docenti sono affaticati,  demotivati e appesantiti. Sono questi ultimi a sentire maggiormente la frustrazione e il peso di una professionalità sminuita, carente e sotto certi punti di vista, frammentata. “Ogni giorno mi relaziono, con fatica, con studenti che sento molto lontani da me”, ha continuato la docente.

Soltanto chi nutre un reale interesse per la scuola e per la formazione dei ragazzi è in grado di rilevare e ammettere che le proprie competenze non sono più sufficienti a colmare i nuovi bisogni del mondo dell’istruzione. La stessa ministra Fedeli ha commentato che occorre investire molto nelle nuove generazioni di docenti. È doveroso riconoscere che gli studenti di oggi sono portatori di esigenze didattiche completamente differenti rispetto al passato. Basti pensare che, già agli esordi del percorso scolastico, possiedono competenze digitali che molti docenti non hanno ancora acquisito. E che, in un certo numero di casi, non acquisiranno mai.

Quindi, ben venga una riforma. E' questione di buon senso.

[jpshare]

Competenze trasversali e aggiornamento continuo

La riforma della formazione e del reclutamento dei docenti prevede nuove competenze per le nuove leve.  Le novità previste dal decreto attuativo (Legge 107), andranno a regime nei prossimi 3-4 anni. Nel frattempo, saremo tutti d’accordo nel ritenere che la garanzia di un corpo docente formato e aggiornato costantemente sia un dovere della scuola e un diritto degli studenti.

[embed]http://https://youtu.be/MSV9zVq-QPs[/embed]

È proprio a questi ultimi che Valeria Fedeli si è rivolta, con una lettera dal titolo: “Cari studenti, sarà la scuola che desiderate”. Con questo strumento la Ministra ha promesso un grande cambiamento della scuola, proiettata nel futuro, tanto nella forma quanto nella sostanza.

Agli insegnanti di ogni ordine e grado è richiesto
  • di andare nella stessa direzione degli alunni;
  • di non rimanere indietro;
  • di essere in grado di fronteggiare le nuove sfide di ogni giorno.

Il docente-coach

Il docente deve anche porsi come una guida, un orientatore e un facilitatore. Sarà suo compito facilitare, in altre parole, l'emersione dei diversi talenti degli studenti, senza aspettarsi da tutti lo stesso rendimento scolastico. Deve, dunque, saper essere anche coach, un motivatore motivato. La scuola ha bisogno di insegnanti che credano nelle potenzialità degli studenti e che sappiano trasmettere passione e consapevolezza.

Il Quadro Europeo delle Qualifiche

L'Italia, infatti, è troppo indietro rispetto all'allineamento della scuola pubblica al Quadro Europeo delle Qualifiche (EQF). Le nuove professioni, disciplinate dalla Legge 4/2013, sono già più avanti in tema di acquisizione di «Competenze chiave per l'apprendimento permanente». Alla scuola, ora, è richiesto di recuperar terreno, rispetto agli altri Stati Europei, in materia di

  • comunicazione (nella madrelingua e nelle lingue straniere);
  • competenza matematica, digitale, in scienza e tecnologia;
  • imparare a imparare;
  • competenze sociali e civiche;
  • spirito di iniziativa e imprenditorialità;
  • consapevolezza ed espressione culturali.

Fedeli alla scuola del futuro

Nella scuola del futuro, a dimensione di studente, serve restituire solidità al ruolo del docente e riconoscere in maniera ufficiale gli sforzi profusi da ciascuno. Fare l’insegnante è un lavoro intellettuale meraviglioso che merita di mantenere una dignità costante, lungo l’intera carriera.

Certo, serviranno nuovi strumenti perché i docenti si sentano essere messi nella condizione di esercitare al meglio la propria professionalità. Essere incoraggiati e motivati ad acquisire nuove competenze, oltre a potenziare quelle già presenti, sarebbe un buon inizio. Affinché sia chiaro a che cosa esattamente e concretamente serviranno.

Il mio punto di vista è che debbano essere semplicemente ripensate e riorganizzate le competenze. Questo perché valorizzare le modalità di essere insegnanti non appaia sottodimensionato davanti al caos del rigido rispetto di impersonali programmi ministeriali.


Continua a leggere