Tag: gruppi

storytelling metodo autobiografico creativo gruppi
Crescita personale, Crescita professionale

Storytelling di gruppo con il Metodo Autobiografico Creativo

Lo storytelling è, prima di tutto, uno strumento narrativo che permette di creare reputazione intorno ad un prodotto, ad un'azienda o a una persona. La stessa tecnica viene utilizzata per sviluppare il potenziale dei gruppi, attraverso l’armonizzazione delle relazioni dei singoli intorno alla storia del brand. Quando i partecipanti al gruppo conoscono la storia del brand, infatti, aumentano il livello della motivazione intrinseca e l’orientamento al compito che facilita il raggiungimento di performance di elevato livello. Il momento successivo è quello del coinvolgimento del pubblico (mercato e fornitori) che diventa protagonista dell’evoluzione e parte della storia dell’azienda. Il risultato dell’intero processo è la fiducia diffusa. Ecco, dunque, il contributo della narrazione di storie con il Metodo Autobiografico Creativo per creare attrazione.Continua a leggere

Crescita professionale

Produrre idee creative con la tecnica del brainstorming

Quanto il lavoro di gruppo possa eccellere nella risoluzione di una qualsiasi sfida lo si può sperimentare ogni volta che si dia il caso di un confronto finalizzato alla scelta dell’idea migliore. Quella che effettivamente oltrepassa la scontata gestione di una disputa apparentemente insormontabile. Seduti intorno ad un tavolo o all'aria aperta, i partecipanti ad un'attività di brainstorming si attengono alle sue regole fondamentali: esprimere qualunque idea, anche la più strampalata, ascoltare quelle degli altri, rinunciare a criticarsi e a criticare. Continua a leggere

ma che vi abbiamo fatto per meritare tutto ciò?
Post

Ma che cosa vi abbiamo fatto per meritare tutto ciò?

Immaginate per un attimo di incontrare vostro figlio conciato così per strada. Ma un ceffone glielo volete proprio negare? Sarà che mi sto facendo vecchio, che di moda non ne capisco abbastanza o che ho avuto un'educazione conservatrice. Non so. Sarà anche perché negli anni del mio liceo i professori provavano ad insegnarci altro. Sarà un po' per tutto questo ma come si può chiamare moda uno scempio del genere? Devo ringraziare il mio amico Guglielmo Mastroianni, giornalista del TG5, che non si lascia sfuggire queste perle. Io ne faccio tesoro per le mie ricerche sociologiche.Continua a leggere