Tag: concentrazione

Arti Terapie

Il suono dimenticato: la musicoterapia nelle demenze

Perdere il contatto con se stessi e con la propria storia personale. E’ quello che accade alle persone che si ammalano di Demenza. Che fare quando viene  consegnata una diagnosi del genere? La Demenza non è solo patologia del singolo. E' una patologia dell'intero nucleo familiare che suona come la perdita della speranza. Nessuna via d'uscita, nessuna cura. Ma le strade per rendere migliore la qualità della vita del paziente esistono. Una di queste è la Musicoterapia. Questo lavoro racconta l’esperienza in strutture residenziali per anziani con demenza. L’obiettivo? Far riscoprire la capacità di emozionarsi, di rivivere sensazioni dimenticate, di sorridere, di piangere…. Perché proprio le emozioni mantengono vivi e permettono di recuperare tasselli di storia personale attraverso il recupero della storia sonora. Continua a leggere

Crescita personale

Come si può rimediare al deficit dell’attenzione?

A proposito di attenzione, si racconta che, anni or sono, la polizia di dogana tra Stati Uniti e Messico fu messa in allerta circa il contrabbando in atto ad opera di un finto contadino messicano che ogni giorno attraversava a piedi la frontiera, spingendo un carretto di legno ricolmo di sterco di cavallo. Sicché, ad ogni passaggio, più volte al giorno, i doganieri erano costretti a togliere la giacca, rimboccare le maniche delle camicie e affondare mani e braccia in quel carico di letame per setacciare in profondità alla ricerca di non si sa bene cosa. Quell’uomo creò uno stress enorme alla polizia di frontiera e non fu mai beccato. Circa venticinque anni dopo, quando terminò quel mal odorante via vai, da una soffiata scoprirono che per tutti quegli anni il peone aveva contrabbandato carretti di legno, gli stessi con cui aveva attraversato il confine ogni giorno, senza che mai i tutori della legge riuscissero a vedere oltre il carico di letame che l'uomo trasportava per distrarli. Continua a leggere

aggressività maligna iperattività
Crescita personale

Iperattività e disturbi dell’attenzione come generatori di aggressività

Tutti contro tutti. Le chat, le email, i social network accrescono il livello di aggressività delle persone. Nei rapporti personali non va meglio. Aumento dei divorzi, dei reati contro la persona, dei femminicidi, dei casi di bullismo. A chi possiamo attribuire la responsabilità di un tempo che ci porta sull'orlo di una crisi di nervi? L'era della comunicazione digitale sta diventando l'era della conflittualità globale. Ci fa davvero bene vivere connessi con il mondo o la tecnologia ha portato più danni che benefici alle relazioni interpersonali?Continua a leggere