Tag: vita

intelligenza emotiva 5-HTT COMT
Crescita personale

Intelligenza emotiva: abilità innata o appresa?

L’intelligenza emotiva è una competenza che può essere appresa. Ha, invero, basi genetiche che concorrono al 50% dell’EQ (Quoziente Emotivo), legate al gene 5-HTT, responsabile dell’attivazione dei trasportatori della serotonina, e al gene COMT, implicato nella degradazione della dopamina. Il restante 50% è imputabile a fattori ambientali che, come spiegano gli studi di Moira Mikolajczak, ricercatrice presso il Fondo Nazionale Belga e la Facoltà di Psicologia dell’Università Cattolica di Lovanio, possono rimaneggiare un corredo genetico deficitario in tal senso.Continua a leggere

contagio emotivo
Crescita personale

Il contagio emotivo: che cos’è e come funziona

Che cos'è il contagio emotivo? Lo spiego con un esempio. Siamo a tavola. Gaia, la figlia di poco più di un anno e mezzo dei miei amici Mirko e Lilli, è nel seggiolone, accanto a quello di Maria Lucia, la nostra bambina della stessa età. All'improvviso, Gaia esplode in un pianto a dirotto. Maria Lucia la guarda e un istante dopo la segue a ruota. Non solo. Prende un pezzo di pizza che ha davanti e glielo porge, come atto consolatorio, mentre entrambe si disperano senza un motivo. Ecco, il contagio emotivo è questo: un sentimento di altri che contagia noi, proprio come se si trattasse di un virus sociale. Daniel Goleman, ne L'intelligenza emotiva, lo definisce come uno scambio emotivo, spesso impercettibile, in una continua interazione reciproca di tipo sotterraneo. Continua a leggere

Le jardin_Il Giardino della Cattedrale di Evry spiritualità
Post

Le jardin retrouvé: pensiero, spiritualità e natura per coltivare il ben-essere

Il “giardino ritrovato” è un concetto simile a quello di “giardino in movimento”, come dalla teoria del territorio di Gilles Clément. La visione positiva del cosiddetto orto, risiede in una cultura della ritrovata appartenenza a se stessi ed al luogo. Il ritorno al concetto di jardin, così come già a suo tempo lo prospettò Voltaire, sta a significare un’intima necessità dell’uomo di riprendersi lo spazio ed il tempo necessari per frenare il mondo estremamente antropocentrico e per iniziare a contemplare la natura ed il suo monito all’essere vivi. La città è l’affermazione dell’uomo sulla natura. È una manifestazione della presenza umana a discapito della natura, è un organismo umano atto a garantire sicurezza e lavoro. È una creazione. La città è un’immagine dell’uomo e, in quanto tale, ne stimola lo spirito contemplativo.

Belle e profonde le parole del Prof. Roberto De Donno che ho ancora una volta il piacere di ospitare sul mio sito. Nel ringraziarlo, invito i miei amici ad un'attenta lettura di questo articolo che stimolerà molte riflessioni. Buona continuazione.

Continua a leggere

La bellezza come valore etico
Crescita personale

Ricordati di vivere: la bellezza come valore etico

Memento vivere. Ricordati di vivere. Ricordati di vivere bene, si può e si deve aggiungere. Il vivere bene, chiaramente, è da intendersi come forma di esercizio finalizzato ad allargare il proprio punto di vista. Si tratta, cioè, di coltivare la propria “anima grande”, capace di affinare lo sguardo oltre la limitata visione umana. Le parole, queste e quelle che seguono, sono di Roberto De Donno, il Prof. Roberto De Donno, dovrei dire, mio amico, uomo di comunicazione e grande esploratore dell'animo umano. Che cosa c'entra questo concetto con la bellezza in un momento in cui sembra prevalere la spinta narcistitca legata a ciò che è esteriore, strumentale e materiale? E se, invece, riscoprissimo il suo valore etico, facendone un modo di vivere, non saremmo forse tutti più felici?

Vi lascio alle parole di Roberto. A lui, in premessa, vanno i miei complimenti ed il mio ringraziamento per aver accettato l'invito a pubblicare questo suo lavoro inedito sul mio sito.Continua a leggere

Crescita personale

L’importanza di comprendere ed esprimere le emozioni

Tullio De Mauro definisce le emozioni delle intense esperienze psichiche accompagnate da reazioni fisiche e comportamentali. Robert Soussignan afferma che le emozioni danno ‘colore’ alle nostre esperienze quotidiane; è fondamentale identificare le nostre esperienze e capirne le cause e le possibili conseguenze. Anche perché, come spiega Paulo Lopes, psicologo della Yale University, l’intelligenza emotiva favorisce la qualità delle nostre relazioni e aiuta a regolare le emozioni. Perché agevola quel meccanismo che è alla base della socialità e che prende il nome di empatia.Continua a leggere