Tag: infanzia

oggetto transizionale separazione
Arti Terapie, Fiabe e storie

L’oggetto transizionale e la tolleranza della separazione in arteterapia

Eccolo lì l'oggetto transizionale. E' ricomparso, anche se adesso l'amico d'infanzia è solo, al centro del letto rifatto e vuoto. E' lì, esattamente dove lo avevamo lasciato tanto tempo fa. Torna nei ricordi di una separazione che a noi è costata molto, sempre che sia avvenuta! Ma, mentre quei ricordi opachi rivivono nel nostro cuore come in un sogno, lui è presente, vivo, netto, marcato. E' come se il tempo per lui non fosse affatto passato. Almeno, questo è quello vedo nel dosaggio dei colori. L'oggetto transizionale rivive grazie al potere del lavoro autobiografico creativo. Simbolo di un'infanzia con cui si fa fatica a tagliare i ponti?Continua a leggere

i due lettini infanzia colori interpretazione dei sogni
Arti Terapie, Fiabe e storie

I due letti nel ricordo a colori dei luoghi d’infanzia

I due letti, nell'interpretazione dei sogni, sono auspicio di prosperità e pace. Se sono puliti e ordinati, sono un segno di sicurezza, fortuna e ricchezza. Nel disegno autobiografico, il ricordo dell'infanzia rivive attraverso un'immagine del passato. Questo ricordo racconta una storia. Da una parte,  le tinte in bianco e nero della stanza danno l'idea di una storia lontana. Dall'altra, le pareti sfumate di verde e i letti rossi, ad esse accostati,  raccontano una storia di affetti sempre vivi e presenti.Continua a leggere

autobiografia disegno ricordo stanza da letto
Arti Terapie, Fiabe e storie

Ricordo d’infanzia: la prima cameretta nel disegno autobiografico

Ricordo vuol dire "riporto al cuore". Deriva da latino ed è diverso da "rammento" che significa "riporto alla mente". Anche se li usiamo come sinonimi, in realtà, hanno significati distinti. Il ricordo è legato all'affettività, è un ritorno alla casa delle emozioni, dei sentimenti, dei vissuti che hanno lasciato il segno. Rammentare, al contrario, è lo sforzo cognitivo di chi cerca di rievocare, con l'ausilio della memoria, qualcosa che non ha lasciato strascichi emotivi rilevanti. E' nel ricordo attraverso l'immagine e il disegno che le emozioni "riportate al cuore" tornano a vivere, insegnano e proiettano nel futuro.Continua a leggere

Arti Terapie

Quali storie raccontano le immagini dal corpo in Arti Terapie?

"Quando ho tolto la benda, non potevo credere ai miei occhi. Lavorando bendata, non avevo per nulla la percezione delle immagini che stavo creando." Sì, il fascino delle Arti Terapie è proprio questo: creare qualcosa che sfugge al controllo del pensiero logico e della parola. E meno controllo si ha sulle cose che accadono, più l'incanto della creazione ha la possibilità di realizzarsi. Svelando, in questo modo, un universo intimo e sconosciuto su cui riflettere.Continua a leggere