Tag: dolore

empatia-dolore-contagio
Crescita personale

Empatia come capacità di immaginare il dolore altrui

Secondo Frédérique de Vignemont, ricercatrice del CNRS all'Università di New York, e Pierre Jacob, direttore di ricerca all'Istituto Jean Nicod di Parigi, provare empatia per qualcuno che soffre non è solo questione di sensibilità. Nel lavoro pubblicato in lingua italiana dalla rivista Mente & Cervello di Maggio 2012, gli autori spiegano l’empatia con la capacità di immaginare il dolore altrui, lavorando di fantasia e facendo appello alle esperienze personali.Continua a leggere

Il marketing relazionale
Crescita professionale

6 consigli per fare business con il marketing relazionale

Viviamo in un'epoca difficile che fa vivere le relazioni come un fastidio più che come un piacere. La parte del nostro cervello deputata alla difesa e alla fuga è sempre in allerta. Certo, sono cambiate le condizioni di pericolosità che ledono la nostra incolumità ma esse non sono affatto diminuite. Anzi. Il nostro cervello è settato per scongiurare dolore e dispiacere più di quanto non lo sia per ricercare benessere e felicità. Per questo, anche se sarà lui a cercarci, dobbiamo sapere che il nostro cliente sarà comunque inizialmente chiuso e diffidente. Per questo sta a noi metterlo a suo agio. Cercare, dunque, di fargli vivere un'esperienza positiva e unica quando è con noi, in presenza o sul web, è l'unica garanzia che ci rinnoverà la sua fiducia anche in futuro.Continua a leggere

Post

La morte di Michele Scarponi: quella telefonata che non vorresti mai ricevere

Un furgone non si ferma allo stop e uccide un uomo in bici. E' Michele Scarponi, maglia rosa al Giro d'Italia 2011. Campione di umiltà, di simpatia e solidarietà. Il volto sorridente del ciclismo italiano. Soprattutto, è un uomo che non vedrà crescere i suoi gemelli e che mai avrebbe voluto assistere allo strazio della moglie Anna. Quando devi fare una chiamata per dare una notizia del genere, non sai più chi sia la vera vittima. Muoiono in tanti con una telefonata alle 8,00 del mattino in casa di una persona che solo un istante prima aveva la vita perfetta.Continua a leggere