Categoria: Post

Miur-docente-scuola-intelligenza-emotiva
Post, Scuola

Miur: sarà la scuola del docente inclusivo e dell’intelligenza emotiva


Sembra davvero che i tempi siano maturi. In Spagna, d'altro canto, da alcuni anni è stata istituita l'ora dell'intelligenza emotiva tra le attività  didattiche in classe per migliorare l'ambiente di apprendimento. La scuola iberica ha, dunque, abbracciato l'idea di Edward De Bono, lo psicologo accostato al pensiero divergente e al problem solving creativo, di aiutare gli studenti a imparare a rendersi autonomi nella ricerca delle soluzioni, grazie alla creatività e allo studio delle emozioni. Ora tocca alla scuola italiana. Così, con la pubblicazione del dossier “Sviluppo professionale e qualità  della formazione in servizio”, il Ministero della Pubblica Istruzione getta le basi per la nascita, nel nostro Paese, del docente inclusivo per un modo trasversale d'intendere l'insegnamento. Anche i nostri professori, in altre parole, andranno a scuola d'intelligenza emotiva.

Continua a leggere
salvini-dimaio-governo-buona-scuola
Post, Scuola

La vera “Buona Scuola”: ecco i punti del contratto di Governo Lega-M5S

Dalla "Buona Scuola" alla "vera Buona Scuola". Ecco un'anteprima del punto numero 27 del contratto del Governo del Cambiamento tra la Lega di Matteo Salvini e il Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio che riguarda il mondo dell'istruzione. Tra i punti del programma, spiccano la centralità del ruolo del docente, la necessità dell'aggiornamento e il tema dell'inclusione.

Vi lascio al testo originale integrale (fonte: Repubblica.it), paragrafato per facilitare la consultazione, anche se a tratti scritto in una lingua italiana che non rende giustizia al tema affrontato. Ma che, se non altro, giustifica l'urgenza di un provvedimento di riforma. Continua a leggere

Post

Sarebbe una buona notizia che “non siamo più il fanalino di coda”?

"La buona notizia è che non siamo più il fanalino di coda. Nel 2017 ci sono stati Paesi che hanno registrato una crescita inferiore a quella dell'Italia." Le parole, con cui si è aperto il Tg5 della serata di ieri, 15 Novembre 2017,  sono del Premier Italiano Paolo Gentiloni. La mia idea è che siamo così abituati a ricevere cattive notizie che anche un segnale di speranza viene passato in maniera da evocare immagini negative.Continua a leggere

Le jardin_Il Giardino della Cattedrale di Evry spiritualità
Post

Le jardin retrouvé: pensiero, spiritualità e natura per coltivare il ben-essere

Il “giardino ritrovato” è un concetto simile a quello di “giardino in movimento”, come dalla teoria del territorio di Gilles Clément. La visione positiva del cosiddetto orto, risiede in una cultura della ritrovata appartenenza a se stessi ed al luogo. Il ritorno al concetto di jardin, così come già a suo tempo lo prospettò Voltaire, sta a significare un’intima necessità dell’uomo di riprendersi lo spazio ed il tempo necessari per frenare il mondo estremamente antropocentrico e per iniziare a contemplare la natura ed il suo monito all’essere vivi. La città è l’affermazione dell’uomo sulla natura. È una manifestazione della presenza umana a discapito della natura, è un organismo umano atto a garantire sicurezza e lavoro. È una creazione. La città è un’immagine dell’uomo e, in quanto tale, ne stimola lo spirito contemplativo.

Belle e profonde le parole del Prof. Roberto De Donno che ho ancora una volta il piacere di ospitare sul mio sito. Nel ringraziarlo, invito i miei amici ad un'attenta lettura di questo articolo che stimolerà molte riflessioni. Buona continuazione.

Continua a leggere

ma che vi abbiamo fatto per meritare tutto ciò?
Post

Ma che cosa vi abbiamo fatto per meritare tutto ciò?

Immaginate per un attimo di incontrare vostro figlio conciato così per strada. Ma un ceffone glielo volete proprio negare? Sarà che mi sto facendo vecchio, che di moda non ne capisco abbastanza o che ho avuto un'educazione conservatrice. Non so. Sarà anche perché negli anni del mio liceo i professori provavano ad insegnarci altro. Sarà un po' per tutto questo ma come si può chiamare moda uno scempio del genere? Devo ringraziare il mio amico Guglielmo Mastroianni, giornalista del TG5, che non si lascia sfuggire queste perle. Io ne faccio tesoro per le mie ricerche sociologiche.Continua a leggere

metodo autobiografico creativo
Post

Metodo Autobiografico Creativo per l’aggiornamento a Scuola: i primi formatori in Italia

Intendo applaudire ed onorare l'impegno profuso dai primi otto formatori in Italia che si sono preparati con il mio Metodo Autobiografico Creativo con la Tecnica della Fiabazione. Otto professionisti motivati ed entusiasti, scelti, per requisiti ed esperienza pregressa, tra i corsisti delle Scuole Artedo di Formazione in Arti Terapie in Italia.  Dal 21 maggio 2017 sono Tecnici del Metodo Autobiografico Creativo e sono pronti a farsi apprezzare per l'aggiornamento dei docenti della scuola. In che modo? Valorizzando la creatività, la narrazione delle storie e il benessere.Continua a leggere

valeria fedeli
Post, Scuola

Cari studenti, sarà la scuola che desiderate

“Non riesco più a tollerare la distanza generazionale con gli studenti. C’è bisogno di docenti più giovani”. Questo è l’interessante commento che un’insegnante di lettere ha rivolto alla Ministra Fedeli durante la recente intervista radiofonica andata in onda su Radio 1. Docente di lungo corso (oltre trentacinque anni di insegnamento), la signora Maria, ha proposto uno spunto di riflessione tutt’altro che banale. Si è fatta portavoce di un malessere e di un senso di inadeguatezza che oggi moltissimi insegnanti stanno vivendo nelle nostre scuole. Soprattutto coloro che hanno sempre cercato di svolgere il proprio mestiere con passione, motivazione e onestà.Continua a leggere

Post, Scuola

Strumenti per una didattica d’inclusione: la Comunicazione Aumentativa e Alternativa

Se volete sapere come ci si sente quando si è impossibilitati a comunicare, andate ad una riunione e fingete di non poter parlare. Usate le mani ma non carta e matita, perché queste generalmente non possono venir usate da persone con gravi disabilità fisiche, impossibilitate ad esprimersi verbalmente. Sarete circondati da persone che parlano: che parlano davanti a voi, dietro di voi, intorno a voi, sotto di voi, attraverso voi ed anche per voi ma mai con voi. Voi verrete ignorati finché vi sentirete come un elemento dell’arredamento.

Continua a leggere

Post

Perché uscire dall’euro non renderebbe possibile tornare alla vecchia lira?

Da privato cittadino mi domando: "Qualcuno crede davvero che, se dovessimo abbandonare l’euro, si tornerebbe alle vecchie, care 1.000 lire?" Purtroppo non potrebbe mai essere così, anche se dovesse delinearsi una prospettiva del genere, per ora irrealizzabile. Tuttavia, alla vigilia del ballottaggio all'Eliseo, è un'ipotesi su cui vale la pena di spendere qualche elucubrazione, immaginando lo scenario europeo con l'eventuale trionfo di Marine Le Pen in Francia.Continua a leggere