A scuola di intelligenza emotiva con il metodo autobiografico creativo

Creatività al servizio dell’alfabetizzazione emozionale per il benessere personale, l’apprendimento efficace e la gestione del conflitto in classe

Il Metodo Autobiografico Creativo

Il Metodo Autobiografico Creativo è uno strumento d’indagine sul mondo delle emozioni. Prima su quelle di chi vive l’esperienza, poi, grazie alle nuove conoscenze su di sé, su quelle degli altri. E’ così che si scopre come nasce l’empatia che è alla base delle relazioni efficaci. Anche nella scuola, luogo in cui la relazione docente-discente è la chiave di volta nel raggiungimento di elevate performance negli studi dei ragazzi.
Al contempo, è anche un insieme di tecniche creative, che utilizzano
* musica,
* arte,
* movimento,
* teatro,
* fiabe,
spendibili e riproducibili in classe per coltivare e far emergere, in modo diverso e innovativo, i talenti nascosti, le motivazioni ad apprendere e le risorse individuali degli studenti.

Creatività ed emozioni a scuola

Ogni studente, infatti, esprime il proprio personale talento in modi diversi. Il linguaggio dell'insegnante, l'intonazione della sua voce, il sorriso e la capacità di far vivere attraverso i sensi l'esperienza dell'apprendimento fanno la differenza e determinano un apprendimento efficace e funzionale. In difetto, la frustrazione che vive lo studente inasprisce le emozioni negative che sono associate all'idea stessa della scuola ed amplifica la tendenza ad essere o diventare conflittuali.
Il motivo? La mancanza di filtri culturali che diano voce a vissuti, sentimenti, emozioni che non trovano altra forma di sfogo se non attraverso il passaggio all’azione, all’aggressione, al primo impulso «disordinato».

L’intelligenza emotiva

Ecco: è proprio la creatività che mette ordine agli impulsi e li trasforma in apprendimento per la vita. Tale conflitto, peraltro, nato altrove, viene riversato in maniera sistematica sull'istituzione scuola che appare inerme e impotente.
Il tramonto della holding educativa (scuola, genitori, ragazzi) si concretizza, così, con l'avversione della famiglia verso il ruolo dell'istituzione scolastica che impone regole che non sono più condivise.

Gli insegnanti chiedono, allora, soluzioni. Ma una soluzione preconfezionata per intervenire sulla minaccia incombente di malessere, aggressività e demotivazione non esiste: occorre costruirla. Secondo le evidenze dell'intelligenza emotiva, sviluppare i talenti personali partendo dalle naturali inclinazioni, offrendo ascolto e lavorando sulle emozioni coinvolte nella relazione educativa rappresenta la nuova frontiera dell'insegnamento efficace per riavvicinare gli attori coinvolti nel processo non più sul piano del "che cosa" ciascuno possa fare ma del "come" e del "perché". Ovvero, sul piano invisibile di una dimensione immateriale che sfugge ai tecnicismi, anche a quelli dell’insegnante più preparato.
Non è forse per questo che gli studenti ottengono i risultati migliori con gli insegnanti più simpatici? E non va da sé che gli insegnanti più simpatici siano anche i più preparati. Cioè, accade ma non è la regola.

Obiettivi del corso

Questo corso, in parte teorico e in parte esperienziale, vuole, in definitiva aiutare l’insegnante a
* ritrovare il benessere (che potrà perseguire anche con gli studenti della sua classe),
* mettersi in gioco e riscoprire la creatività e le emozioni che, attraverso di essa, si esprimono,
* prevenire e gestire i conflitti con intelligenza emotiva;
* individuare, grazie all’intelligenza emotiva, le opportune soluzioni alle diverse criticità;
* fornire gli strumenti pratici per riconoscere i meccanismi di sintonia empatica basati sulla condivisione delle emozioni, per vivere le relazioni con efficacia;
* apprendere, attraverso il coinvolgimento diretto in attività in forma di gioco creativo, tecniche pratiche per accrescere la consapevolezza emotiva;
* analizzare case study, con esempi tratti dalla cinematografia, per individuare comportamenti emotivamente intelligenti e distinguerli da quelli inefficaci;
* imparare a "vedere oltre" grazie all’intelligenza emotiva;
* scoprire il modo di essere insegnanti efficaci e leader risonanti in classe;
* apprendere un modo funzionale ed efficace di essere e di comportarsi nella relazione con gli altri.

Destinatari

Il corso è rivolto a tutti con particolare attenzione al mondo della scuola, educatori, formatori, insegnanti (di ogni ordine e grado), psicologi e assistenti sociali.

Competenze in uscita

* Riconoscere in se stessi le emozioni negative e imparare a distrarsi da esse;
* accrescere i livelli personali d’intelligenza emotiva;
* autoregolarsi rispetto ai comportamenti inefficaci (compresi quelli verbali) e modificarli in comportamenti emotivamente intelligenti;
* riconoscere negli altri le emozioni negative ed aiutarli a distrarsi da esse;
* acquisire tecniche per organizzare laboratori creativi per migliorare la consapevolezza delle emozioni nei singoli e nei gruppi.

Struttura del corso

Il corso (per gli insegnanti di ruolo, anche con Carta del Docente), organizzato da Artedo, Ente accreditato al MIUR per la formazione e l’aggiornamento del personale della scuola, e disponibile sulla piattaforma «SOFIA», si compone di due moduli:
- il primo, in presenza, esperienziale-applicativo,
- il secondo, online, teorico.

I modulo pratico in presenza
Il modulo in presenza si articola in tre giornate consecutive di esperienza per 20 ore complessive, così articolate:
- prima giornata - dalle 9,00 alle 18,00 (con pausa pranzo) - conferenza esperienziale in aula - durata 6 ore;
- seconda e terza giornata - dalle 9,00 alle 18,00 (con break di un’ora alle 13,00) - attività pratica in laboratorio creativo - durata 14 ore.

II modulo teorico online
Il modulo online
- è disponibile per tre mesi dopo la data della partecipazione al modulo pratico,
- dura 50 ore,
- approfondisce lo studio dei temi trattati nel corso della conferenza esperienziale della prima giornata del modulo pratico in presenza e
- si chiude con la presentazione di una breve monografia sull’intero percorso.
Ciò serve ai corsisti per fissare meglio i concetti e sfruttare al massimo l’esperienza dell’apprendimento in modalità blending.

Programma dello studio teorico online

1. Intelligenza emotiva: definizione, premesse e campi applicativi;
2. QI (Quoziente d’Intelligenza) e EQ (Quoziente Emotivo);
3. Vedere oltre con intelligenza emotiva;
4. Intelligenza emotiva per controllare la rabbia;
5. Comunicare con intelligenza emotiva;
6. Gestire i conflitti con intelligenza emotiva: come cambia l'educazione, il rapporto degli studenti con la scuola, la funzione sociale del branco per l'adolescente, il conflitto gestito bene;
7. L'alfabetizzazione emotiva;
8. Il benessere dell'insegnante;
9. Accrescere l'intelligenza emotiva con le tecniche creative;
10. 20 Giochi di creatività da proporre in classe per riconoscere le emozioni.

Iscriviti o contattami, compilando questo form.

Organizza questo corso nella tua scuola. Contatta la mia segreteria al numero 0832 601223 o scrivendo all'indirizzo blog@stefanocentonze.it