Il comportamento in auto: un quesito sull’intelligenza emotiva

in auto intelligenza emotivaAlmeno una volta nella vita, ne sono certo, è accaduto a tutti (anche ai più calmi) di inveire contro il guidatore di un’altra auto per una manovra azzardata. Questo comportamento è incoraggiato, peraltro, dal cosiddetto “effetto abitacolo“: in altre parole, di persona, senza la protezione dell’abitacolo, appunto, difficilmente sarebbe lo stesso. Ma è questo il miglior atteggiamento da assumere in tali situazioni? Immaginate, allora, di essere in auto con un amico che va su tutte le furie perchè un incauto automobilista gli ha appena tagliato pericolosamente la strada. Come vi comportate voi che siete seduti accanto? Ecco quattro possibili reazioni che possono rivelare la vostra attitudine (o meno) a mettere in campo l’intelligenza emotiva in situazioni di stress

Le 4 opzioni

Siete in macchina con un amico che è andato su tutte le furie perché un automobilista gli ha tagliato pericolosamente la strada. Come vi comportate?

  1. Gli dite di non pensarci più. Non ci sono danni, non è stata una cosa grave.
  2. Mettete uno dei suoi brani preferiti nel lettore CD dell’auto.
  3. Vi associate a lui nell’insultare l’automobilista.
  4. Gli raccontate di quella volta in cui vi è successa una cosa simile e di come vi siete arrabbiati finché non vi siete resi conto che l’altro guidatore stava portando una persona in ospedale.

Gli studi dimostrano che formarsi all’intelligenza emotiva comporta una riduzione del 30% del cortisolo, l’ormone dello stress, ed un più elevato tasso di benessere nelle persone.


Scegli la  Scuola per SuperEroi per formarti all’Intelligenza Emotiva.

scuola per supereroi

Clicca sull’immagine per iscriverti o per collaborare.


La risposta emotivamente più corretta

Nel video che segue è contenuta la risposta considerata dagli esperti quella emotivamente più corretta, in base ad un test pubblicato dalla Rivista di Psicologia e Neuroscienze “Mente e Cervello”  nel Numero di Luglio/Agosto 2006.


Facebook Comments

Rispondi