La strega e la fiaba: paure e desideri che vivono in noi

Biancaneve-e-la-strega

“La strega incarna i desideri, i timori e le altre tendenze della nostra psiche che sono incompatibili con il nostro io”, scrive Carl Gustav Jung.  Nelle fiabe, come nell’immaginario collettivo, essa vive isolata da tutto e da tutti, spesso nascosta in fondo al mare, nel cuore di una buia foresta o al centro della terra. Ma cosa c’entra con ognuno di noi?

La strega nella fiaba

L’etimologia del termine si traduce in donna (stria), che ammalia con le parole (stroliga). Come accade ad Hansel e Gretel o a Biancaneve, nell’immagine. L’incontro con la strega, in questa come in tutte le fiabe, non è mai né casuale né privo di significato. Si manifesta al protagonista (o ai protagonisti) con le sembianze di un’anziana, sola e saggia, o di una ripugnante vecchia mostruosa, in alcuni casi capace perfino di volare. E, ha sempre con sé un dono:

  • una pozione,
  • un frutto
  • o un “consiglio”.

Figura femminile carismatica e maga esperta in incantesimi, può provocare o togliere il malocchio, leggere il futuro nella mano, nello specchio o negli occhi e usare poteri distruttivi e malefici.

La strega nella fiaba autobiografica

Per l’implicazione del suo ruolo, la comparsa della strega nella narrazione autobiografica rimanda, quasi naturalmente all’antagonista. Cioè, rappresenta l’ostacolo tra il protagonista e il compimento della sua missione.

Nella lettura psicoanalitica della fiaba operata da Vladimir Propp, coevo di Freud, l’antagonista è la parte buia, negata e rimossa del protagonista. Dunque, la strega, nella narrazione autobiografica di chi la evoca, è un insieme di figure archetipiche in cui trovano rifugio le pulsioni antagoniste-complementari che, regolando l’intero cosmo, appartengono anche a ciascuno di noi.

Cioè, ognuno di noi è Cappucetto Rosso e il Lupo cattivo nello stesso tempo; Biancaneve e la strega. Tutto ciò che il Metodo Autobiografico Creativo con la Tecnica della Fiabazione agevola è l’incontro delle diverse parti e una salvifica mediazione tra di esse.


Se sei un insegnante, i corsi online che ti consiglio per approfondire sono acquistabili anche con Carta del Docente. Basta cliccare sui pulsanti.
Apprendi il Metodo Autobiografico Creativo con la Tecnica della Fiabazione per imparare come utilizzare le competenze emotive


L’archetipo della strega

Le sue sembianze, i suoi poteri, il corpo stanco, ricurvo e agile al tempo stesso sono il calco negativo ed occulto del femmineo idealizzato. Nel suo lavoro ‘‘Archetipi dell’inconscio collettivo”, Jung definisce la strega come  la proiezione dell’inconscio femminile dell’uomo. O, meglio, “una segreta partecipazione alla sua femminilità”. (da  C.G. Jung).

Nella psicologia del profondo, l’immagine della strega è  legata all’archetipo della Grande Madre (o della Madre Terra) che, come nel mito greco di Demetra (Cerere per i romani), è, al tempo stesso,

  • attraente e spaventosa,
  • generosa e crudele,
  • creatrice e distruttiva,
  • coerente e paradossale.

Rappresenta e simboleggia le pulsioni istintive e i desideri rimossi dall’inconscio, perché intollerabili per l’io o incompatibili con esso.

Bipolarità dell’archetipo della strega

“Affrontare la strega”, scrive l’analista Anna Michelini Tocci nel suo lavoro Bipolarità dell’archetipo della strega nelle fiabe”, pubblicato nella Rivista di Psicologia Analitica,  “è per il paziente un compito difficilissimo. Ma è necessario per iniziare la strada della sua vita di individuo, per attivare l’altro polo dell’archetipo, per creare un legame con la parte positiva della strega, cioè con la vecchia buona e soccorrevole”.


Segui l’hashtag #MetodoAutobiograficoCreativo.


Se sei un insegnante, i corsi online che ti consiglio per approfondire sono acquistabili anche con Carta del Docente. Basta cliccare sui pulsanti.

La Relazione Educativa: dimensioni emotive e dinamiche di gruppo.

La relazione educativa


Facebook Comments

Rispondi